Home Acmt-Rete C.M.T. Strumpell-LorrainMedcenterNews | ForumContatti LinksRuotHabile | Le Nostre Storie

 

Ti trovi in: Home > News > Ultime ricerche 2007

 

 

U L T I M E       R I C E R C H E
ANNO 2007

Aggiornate con notizie provenienti dalla rete e dai centri di Ricerca Medica italiani e stranieri

 

DESCRIZIONE

Dalla CMT statunitense un nuovo documento sulla pericolosità di alcuni farmaci.

TESTO ORIGINALE

Medical Alert
The medications listed below are potentially toxic to CMT patients. Vincristine has been proven hazardous and should be avoided by all CMT patients, including those with no symptoms. The remainder of the medications listed below present varying degrees of potential risk for worsening CMT neuropathy. Before taking any medication or changing medication, all CMT patients should make sure the treating physician is fully aware of heir medical condition.
Members who are logged in may view an expanded Medical Alert table with addtional information about the medications listed below.

Definite High Risk (including asymptomatic CMT)

·         Vinca alkaloids (Vincristine)

Moderate to Significant Risk

·         Amiodarone (Cordarone)

·         Bortezomib (Velcade)

·         Cisplatin & Oxaliplatin

·         Colchicine (extended use)

·         Dapsone

·         Didanosine (ddI, Videx)

·         Dichloroacetate

·         Disulfiram (Antabuse)

·         Gold salts

·         Leflunomide (Arava)

·         Metronidazole/Misonidazole (extended use)

·         Nitrofurantoin (Macrodantin, Furadantin, Macrobid)

·         Nitrous oxide (inhalation abuse or Vitamin B12 deficiency)

·         Perhexiline (not used in U.S.)

·         Pyridoxine (mega dose of Vitamin B6)

·         Stavudine (d4T, Zerit)

·         Suramin

·         Taxols (paclitaxel, docetaxel)

·         Thalidomide

·         Zalcitabine (ddC, Hivid)

Uncertain or Minor Risk

·         5-Fluoracil

·         Adriamycin

·         Almitrine (not in U.S.)

·         Chloroquine

·         Cytarabine (high dose)

·         Ethambutol

·         Etoposide (VP-16)

·         Gemcitabine

·         Griseofulvin

·         Hexamethylmelamine

·         Hydralazine

·         Ifosphamide

·         Infliximab

·         Isoniazid (INH)

·         Lansoprazole (Prevacid)

·         Mefloquine

·         Omeprazole (Prilosec)

·         Penicillamine

·         Phenytoin (Dilantin)

·         Podophyllin resin

·         Sertraline (Zoloft)

·         Statins

·         Tacrolimus (FK506, ProGraf)

·         Zimeldine (not in U.S.)

·         a-Interferon

Negligible or Doubtful Risk

·         Allopurinol

·         Amitriptyline

·         Chloramphenicol

·         Chlorprothixene

·         Cimetidine

·         Clioquinil

·         Clofibrate

·         Cyclosporin A

·         Enalapril

·         Fluoroquinolones

·         Gluthethimide

·         Lithium

·         Phenelzine

·         Propafenone

·         Sulfonamides

·         Sulphasalzine

Drug Interaction Warning

The November/December 1995 NAMI Advocate warned of a potentially fatal drug interaction. It involves selective serotonin reuptake inhibitor antidepressants such as Prozac, Zoloft, Paxil and Luvox. Apparently, a drug interaction between these antidepressants and dextromethorphan and/or pseudoephedrine, found in over-the-counter cold remedies, can cause excessive serotonergic activity. Signs of this "serotonin syndrome" include changes in mental status, hypertension, restlessness, myoclonus (sudden muscle contraction), hyperreflexia (accentuated reflexes), diaphoresis (profuse perspiration), shivering and tremor.

A Note About Alcohol:
Alcohol was removed from the neurotoxic drug list in July 2004.  While people with CMT generally suffer no ill effects from the moderate consumption of alcohol, they should be particularly mindful of the fact that alcohol affects balance and coordination, and that overconsumption of alcohol is generally not recommened under any circumstances.  If you have questions about alcohol and your health, consult your physician.

Neurotoxic Medications and Worsening of Neuropathy:
The Charcot-Marie-Tooth Association has long maintained this “Medical Alert” list of potentially neurotoxic medications. It is published on this webpage, in the organization’s bimonthly national newsletter, in The CMTA Report, and in a brochure that is distributed along with a “Dear Medical Professional” letter advising physicians treating CMT patients that they should consider the potential risk of prescribing drugs known to have neurotoxic properties. The list is also freely copied and republished.

Neurologists Louis H. Weimer of Columbia University and David Podwall of the Albert Einstein College of medicine, however, note that while “existing peripheral neuropathy is a generally accepted risk factor for increased susceptibily to neurotoxic agents,” there is some question whether CMT patients should avoid neurotoxic medications even when their use is clearly indicated. The extensive distribution of the list raises the additional concern that, in some cases, an inordinate degree of perceived risk could deter the use of a preferred medication for a condition unrelated to CMT. (Click here to read full text.)

Weimer and Podwall conducted an extensive literature search and and found that 22 of 26 reports of neurotoxicity in CMT patients concerned vincristine, a chemotherapeutic agent (listed on Medical Alert as “definite high risk”). The remainder concerned nucleoside analogs and taxoids (which fall in the “moderate to significant risk” category).

They also reviewed data from the CMT North American Database,* a computerized registry of clinical details of CMT patients in the U.S. and Canada. The database provided 996 drug entries of 209 persons from 190 families. Medications with multiple reported exposures and more than one claim of symptomatic worsening of neuropathy included metronidazole, nitrous oxide, statins, nitrofurantoin, phenytoin, and sertraline. Others (isoniazid, penicillin — high IV doses) had 1 or 2 adverse reports. Still other agents were notable for exposures without reported neuropathic effect. These included adriamycin, chloramphenicol, dapsone, disulfiram, hydralazine, lithium, and pyridoxine.

Overall, Weimer and Podwall conclude that treatment with vincristine poses an “unacceptable risk to patients with known or possible CMT1A.” They further conclude that the use of other agents in the significant risk category of the list should be considered with caution, and “the probable lesser risk of agents in lower categories should also be weighed when prescribing these drugs for people with CMT.”

At the same time, however, Weimer and Podwall are careful to point out that these conclusions are based on limited direct evidence, and that there are several possible explanations for the lack of documentation in the literature regarding adverse effects of many of the drugs on the CMTA neurotoxic drug list.

In particular, cases of worsening of neuropathy may by unreported or unrecognized, so it is still prudent to make your treating physician aware that drugs on the Medical Alert list may have the potential to adversely affect someone with CMT and to discuss alternative medications. More importantly, if you begin taking any of the medications on the list, or any other medication, and you notice a change in your condition, you should notify your physician immediately.

*The CMT North American Database was initiated at Wayne State University. Funded by the Charcot-Marie-Tooth Association and the Muscular Dystrophy Association, it is currently maintained in the Department of Medical and Molecular Genetics at Indiana University.

The study conducted by Weimer and Podwall demonstrates the potential of the database project to provide researchers with the information needed to answer important questions regarding the treatment and management of CMT. At the same time, the study points out the limitations of the currrent data, and the need for more people with CMT to contribute their information. Click here to read about the database and how you can help.

TRADUZIONE

Traduzione a cura del nostro amico e socio Filippo

Avviso Medico
I farmaci elencati nella lista a seguire sono potenzialmente tossici per i pazienti affetti da CMT.
La Vincristina è stata riconosciuta come pericolosa e dovrebbe essere evitata da tutti i pazienti con CMT, inclusi coloro che non hanno ancora manifestato i sintomi. Il seguente elenco di principi attivi presenta diversi livelli di rischio potenziale di peggioramento della neuropatia di CMT.
Prima dell’assunzione o della sostituzione di qualunque di questi farmaci, i pazienti affetti da CMT dovrebbero assicurarsi che il medico che li ha presi a carico sia pienamente cosciente delle loro reali condizioni cliniche.

Rischio marcatamente elevato (anche per CMT asintomatica)

·         Alcaloidi della Vinca (Vincristina, antitumorale)

 Rischio da Moderato a Significativo

·         Amiodarone (Cordarone)

·         Bortezomib (Velcade)

·         Cisplatino e Oxaliplatino (Antitumorali)

·         Colchicina (uso prolungato)

·         Dapsone  (trattamento della lebbra)

·         Didanosina (ddI, Videx, analogo nucleosidico)

·         Dicloroacetato (potenziale antitumorale)

·         Disulfiram (Antabuse, per correggere l’abuso di alcol)

·         Sali di Oro (Artrite reumatoide)

·         Leflunomide (Arava)

·         Metronidazolo/Misonidazolo (uso prolungato)

·         Nitrofurantoina (Macrodantin, Furadantin, Macrobid)

·         Ossido nitroso (abuso da inalazione o a causa di deficienza da Vitamina B12)

·         Perhexiline

·         Piridossina (dosi elevate di Vitamina B6)

·         Stavudina (d4T, Zerit, anti-HIV, analogo nucleosidico)

·         Suramina

·         Taxoli (paclitaxel, docetaxel, antitumorali)

·         Talidomide (Mieloma)

·         Zalcitabine (ddC, Hivid, anti-HIV, analogo nucleosidico)

Rischio minore o non ancora accertato

·         5-Fluorouracile (5-FU, antitumorale, analogo nucleosidico)

·         Adriamicina

·         Almitrina

·         Clorochina (antimalarico)

·         Citarabina (AraC, per dosi elevate; antitumorale, analogo nucleosidico)

·         Etambutolo

·         Etoposide (VP-16)

·         Gemcitabina

·         Griseofulvina

·         Esametilenammina (Urotropina, disinfettante urinario)

·         Idralazina

·         Isofosfamide

·         Infliximab

·         Isoniazide (INH, antimicobatterico)

·         Lansoprazolo (Prevacid)

·         Meflochina

·         Omeprazolo (Prilosec, antiulcera)

·         Penicillammina  

·         Fenitoina (Dilantin, ipnotico/anticonvulsivante)

·         Podofillina resina

·         Sertralina (Zoloft)

·         Statine

·         Tacrolimus (FK506, ProGraf)

·         Zimeldine

·         Interferone alfa (antivirale)

Rischio trascurabile o dubbio

·         Allopurinolo (terapia della gotta)

·         Amitriptilina (tranquillante, antidepressivo)

·         Cloramfenicolo (antibiotico)

·         Clorprotixene (tranquillante)

·         Cimetidina (antiulcera)

·         Clioquinil

·         Clofibrato (metabolismo del colesterolo)

·         Ciclosporina A (immunosoppressore)

·         Enalapril (Anti-ipertensivo)

·         Fluorochinoloni (chemioterapici)

·         Glutetimide

·         Litio (antidepressivo)

·         Fenelzina

·         Propafenone

·         Solfonammidi

·         Sulfasalazina

Ammonimento sulle possibili interazioni tra farmaci

Il report del novembre/dicembre 1995 del NAMI Advocate mette in guardia su interazioni tra farmaci potenzialmente fatali. A questo gruppo appartengono gli antidepressivi inibitori del reuptake di Serotonina come Prozac, Zoloft, Paxil e Luvox; apparentemente, l’interazione tra questi farmaci ed il destormetorfano e/o la pseudoefedrina, che si ritrovano in preparazioni da banco per il trattamento sintomatico del raffreddore e della tosse, può indurre un’attività serotoninergica eccessiva. Sintomi di tale "sindrome serotoninica" includono cambiamenti d’umore, ipertensione, affaticamento, mioclono (contrazione muscolare), iperreflessia (accentuazione dei riflessi), diaforesi (sudorazione profusa), brividi e tremori.

Un appunto riguardo l’Alcol:
L’alcol è stato rimosso dalla lista dei farmaci neurotossici nel luglio del 2004. Malgrado le persone affette da CMT non accusino effetti dannosi derivanti dal consumo moderato di alcol, dovrebbero prestare particolare attenzione agli effetti dell’alcol sull’equilibrio e la coordinazione; inoltre, l’abuso di alcol non è generalmente raccomandabile.

Terapie Neurotossiche e peggioramento della Neuropatia:

L’Associazione Charcot-Marie-Tooth americana cura da tempo questa lista di farmaci potenzialmente neurotossici.
I Neurologi Louis H. Weimer della Columbia University e David Podwall dell’Albert Einstein College, tuttavia, puntualizzano che “malgrado una preesistente neuropatia periferica sia un fattore di rischio generalmente accertato di aumentata suscettibilità ad agenti neurotossici”, rimangono dei dubbi sul fatto che i pazienti affetti da CMT debbano evitare tali farmaci anche qualora il loro utilizzo sia chiaramente indicato. La distribuzione capillare di questo elenco solleva inoltre il problema che, in alcuni casi, un grado di percezione del rischio non uniforme possa scoraggiare l’utilizzo della terapia d’elezione per uno stato patologico non correlato alla CMT.

Weimer e Podwall hanno condotto un’analisi della letteratura molto accurata, riscontrando 22 casi su 26 di neurotossicità confermata in pazienti CMT trattati con Vincristina, un antitumorale (incluso nella lista come altamente pericoloso). I restanti 4 casi riguardavano gli analoghi nucleosidici ed i tassoli (appartenenti alla categoria di rischio “da moderato a significativo”).

I due medici hanno analizzato anche i dati provenienti dal database della CMT Nord America, un registro informatizzato delle cartelle cliniche dei pazienti CMT degli Stati Uniti e del Canada. Il database ha fornito indicazioni in merito a 996 farmaci, assunti da 209 persone provenienti da 190 famiglie. Le specialità medicinali con cui i pazienti sono stati trattati e che riportano in più di un caso un aggravamento del quadro sintomatico della neuropatia comprendono il metronidazolo, l’ossido nitroso, le statine, la nitrofurantoina, la fenitoina e la sertralina. Tra le altre (isoniazide, penicillina — alte dosi endovena), tali effetti venivano registrati solo in uno o due casi. Altri agenti terapeutici che mostrano un effetto significativo (di natura non neuropatica) sono l’adriamicina, il cloramfenicolo, il dapsone, il disulfiram, l’idralazina, i Sali di litio e la piridossina.

Nel complesso, Weimer e Podwall concludono che il trattamento con vincristina costituisce un “rischio inaccettabile per pazienti con una forma CMT1A riconosciuta o sospetta”. Gli autori sostengono, inoltre, che l’uso dei farmaci inclusi nella categoria di rischio significativo dovrebbe essere valutato con attenzione e che “dovrebbe essere ponderato il rischio presumibilmente inferiore derivante dall’uso di un farmaco appartenente alle categorie più basse all’atto della prescrizione di tali specialità a pazienti affetti da CMT.”

Al contempo, tuttavia, Weimer e Podwall puntualizzano che queste conclusioni sono basate su evidenze limitate (per via del numero esiguo di dati presenti, NdT) e che potrebbero essere numerose le ragioni per la mancanza di documentazione in merito agli effetti negativi relativi a numerosi dei farmaci presenti nella lista.

Nella fattispecie, il peggioramento della neuropatia potrebbe non essere riconosciuto o riportato; pertanto, è consigliabile mettere il proprio medico curante a conoscenza degli effetti neurotossici che i farmaci inclusi nella lista potrebbero manifestare e valutare eventuali strategie terapeutiche alternative. Cosa più importante, se stai assumendo uno dei principi attivi inclusi nella lista, o qualunque altra specialità medicinale, e noti un cambiamento nella tua condizione clinica, dovresti avvertire il tuo medico immediatamente.

 

 

 

DESCRIZIONE

Scoperto un gene cruciale per l’isolamento (elettrico) del Neurone

TESTO ORIGINALE e TRADUZIONE

Un gruppo di ricercatori, finanziato dall’Istituto Nazionale della Salute Americano (NIH), ha scoperto come un singolo difetto a carico di in un gene master distrugga i processi tramite i quali diversi geni interagiscono a valle per creare la Mielina, uno strato di natura lipidica che riveste le cellule nervose (i neuroni), aumentando la velocità di conduzione e l’intensità del segnale elettrico da queste generato.

La scoperta ha delle importanti implicazioni nella comprensione di disordini neurologici legati alla produzione di mielina. Questi disordini possono interessare il sistema nervoso periferico – i fasci nervosi al di fuori dell’encefalo e del midollo spinale – e sono nell’insieme noti come Neuropatie Periferiche. Tali sindromi possono comportare scarsa sensibilità, debolezza, dolore e mancanza di coordinazione motoria. Tra le neuropatie periferiche si annovera uno dei più comuni disordini geneticamente ereditati, la sindrome di Charcot-Marie-Tooth, che causa un progressivo indebolimento muscolare.

Lo strato di mielina che circonda le cellule nervose può essere assimilato al materiale isolante che riveste un cavo elettrico, evitando che l’impulso nervoso si indebolisca e facendo sì che questi viaggi più rapidamente e per un percorso maggiore lungo l’assone del neurone.

Secondo questo studio, un’alterazione di una delle due copie di un gene, noto come EGR2 (gene per la risposta alla crescita precoce 2), influenzi anche la copia “sana” di questo gene, così come il funzionamento di altri geni, provocando una neuropatia periferica.

“I Ricercatori hanno decifrato una sequenza chiave essenziale all’assemblaggio della Mielina”, dice Duane Alexander, M.D., Direttore dell’NICHD, l’istituto appartenente all’NIH che ha finanziato lo studio. “La loro scoperta farà luce nell’origine dei disordini che dipendono dalla produzione di mielina.”

Questo studio è apparso nella versione in rete della rivista Molecular and Cellular Biology.

Hanno condotto questo studio John Svaren, Ph.D., un professore associate del Dipartmento di Bioscienze Comparative presso l’Università del Wisconsin, in collaborazione con Scott E. LeBlanc e Rebecca M. Ward.

Prima di questo ritrovamento scientifico, non era ancora completamente chiaro il complesso processo genetico che permette le cellule di Schwann, che si trovano nel sistema nervoso periferico, di rivestire i neuroni con la mielina.

Il ruolo di EGR2
Durante questo studio, gli scienziati hanno trovato che EGR2 produce una proteina che attiva, a sua volta, diversi altri geni necessari per la produzione di mielina. Alcuni di questi geni contengono le informazioni richieste per produrre la proteina per la mielina periferica-22 (PMP-22, gene alterato in molte forme di CMT-I, NdT) e la proteina mielinica zero (MPZ). MPZ è la più abbondante proteina della mielina del sistema nervosa periferico.

La sovra-/sottoproduzione delle proteine PMP22 e MPZ è responsabile di buona parte delle neuropatie periferiche ereditarie, come riporta il Dott. Svaren.

In ultima analisi, la sequenza di geni attivati “accende” le cellule di Schwann, stimolandole ad avvolgere l’assone dei neuroni (la parte della cellula nervosa su cui viaggia e viene trasmesso l’impulso elettrico, NdT) con gli strati di mielina.

L’interesse dei ricercatori è stato rivolto anche alla comprensione di un mistero a lungo irrisolto: perché la singola copia mutante di EGR2 interferisce con il funzionamento del gene EGR2 “sano” residuo, portando a disordini del sistema nervoso?

In numerose condizioni patologiche di origine genetica la copia di un gene mutato non intaccata da alterazioni continua a produrre la propria proteina. Tuttavia, è stato scoperto che in questo caso la copia mutante di EGR2 interferisce con le interazioni tra il corrispondente gene sano ed un altro gene mielinico, SOX10, poiché entrambi provano a promuovere contemporaneamente la produzione della proteina mielinica MPZ.

Potenziale Terapeutico (della scoperta)

Grazie alla comprensione del processo che porta alla produzione di mielina, i ricercatori sono ora in grado di valutare nuovi approcci terapeutici ai disordini neurologici che interessano la mielina.

 “Le nostre ricerche hanno svelato un meccanismo interamente nuovo per la regolazione dei geni della mielina,” spiega il Dott. Svaren. “La nostra speranza è di sfruttare le conoscenze acquisite al fine di modulare i livelli di geni mielinici come PMP22 e MPZ, creando in tal modo un trattamento efficace dei disordini neurologici legati alla alterata produzione di mielina.”

La conoscenza del meccanismo con cui i neuroni vengono rivestiti con mielina potrebbe essere anche applicata ad altri disordini, dichiara il Dott. Svaren. Le Neuropatie Diabetiche, che comportano una perdità di sensibilità alle estremità, sono anch’esse riconducibili alla alterata produzione di mielina.

Il Dott. Svaren aggiunge che tali ritrovamenti scientifici sul processo di produzione della mielina a livello periferico possano condurre ad una comprensione più ampia del processo di rivestimento con mielina dei neuroni del sistema nervoso centrale (encefalo e midollo spinale). Tale meccanismo non è ancora ben noto; la Sclerosi Multipla, un disordine muscolare degenerativo che può risultare fatale, è attribuito alla distruzione della mielina nel sistema nervoso centrale.

Informazioni riguardo le neuropatie periferiche sono disponibili presso la biblioteca nazionale di medicina (in inglese), ai siti:

http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000593.htm  http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000727.htm.

Informazioni riguardo la sindrome di Charcot-Marie-Tooth e la Sclerosi Multipla sono disponibili presso l’Istituto nazionale dei disordini neurologici ed infarti (in inglese), ai siti:

http://www.ninds.nih.gov/disorders/charcot_marie_tooth/charcot_marie_tooth.htm http://www.ninds.nih.gov/disorders/multiple_sclerosis/multiple_sclerosis.htm.

Traduzione a cura dell’amico e socio Filippo 

Researchers Discover Gene Crucial for Nerve Cell Insulation
BETHESDA, Md., April 16, 2007--Researchers funded by the National Institutes of Health have discovered how a defect in a single master gene disrupts the process by which several genes interact to create myelin, a fatty coating that covers nerve cells and increases the speed and reliability of their electrical signals.
The discovery has implications for understanding disorders of myelin production. These disorders can affect the peripheral nervous system — the nerves outside the brain and spine. These disorders are known collectively as peripheral neuropathies. Peripheral neuropathies can result in numbness, weakness, pain, and impaired movement. They include one of the most common genetically inherited disorders, Charcot-Marie-Tooth disease, which causes progressive muscle weakening
The myelin sheath that surrounds a nerve cell is analogous to the insulating material that coats an electrical cord or wire, keeping nerve impulses from dissipating, allowing them to travel farther and faster along the length of the nerve cell.
The researchers discovered how a defect in just one copy of the gene, known as early growth response gene 2 (EGR2) affects the normal copy of the gene as well as the functioning of other genes, resulting in peripheral neuropathy.
The researchers have deciphered a key sequence essential to the assembly of myelin, said Duane Alexander, M.D., Director of the NICHD, the NIH institute that funded the study. Their discovery will provide important insight into the origins of disorders affecting myelin production.
The study appears in the online version of Molecular and Cellular Biology.
John Svaren, Ph.D., an associate professor in the Department of Comparative Bioscience at the University of Wisconsin — Madisons School of Veterinary Medicine, worked with colleagues Scott E. LeBlanc, and Rebecca M. Ward, to conduct the study. Dr. Svaren is an affiliate of NICHD-funded mental retardation and developmental disabilities research center at the Waisman Center at the University of Wisconsin.
Until this discovery, researchers did not fully understand the complex genetic process that enables Schwann cells, found in the peripheral nervous system, to coat nerves with myelin.
The Newly Discovered Role of EGR2
During this study, the scientists found that EGR2 produces a protein that activates several other genes necessary for myelin production. Some of these genes contain the information needed to make peripheral myelin protein-22 (PMP-22) and myelin protein zero (MPZ). MPZ is the most abundant protein in myelin in the peripheral nervous system.
The overproduction or underproduction of the proteins PMP22 and MPZ account for the majority of inherited peripheral neuropathies, Dr. Svaren said.
Ultimately, the sequence of activating genes switches on the Schwann cell, which wraps the nerve axon, the arm-like projection that conveys nerve impulses, in a myelin sheath.
The scientists research also resolved a long-standing mystery surrounding why a single mutant copy of the EGR2 gene disrupts the functioning of the normal EGR2 gene, leading to a disorder of the nervous system.
In many genetic conditions, the unaffected copy of an affected gene continues to produce its protein. However, the researchers found that the mutant EGR2 copy interferes with the interaction between the normal EGR2 gene and another myelin gene, SOX10, as the two try to work together to produce the myelin protein MPZ.
Therapeutic Potential
By understanding the process which creates myelin, researchers may now be able to investigate new therapies for disorders affecting myelin.
Our research has uncovered a whole new mechanism for regulating myelin genes, said Dr. Svaren. Our hope is to exploit this knowledge so that we can adjust the levels of myelin genes such as PMP22 and MPZ, and thereby create an effective treatment for myelin diseases.
Understanding the process by which nerve cells are myelinated also could be applied to other disorders as well, Dr. Svaren said. Diabetic neuropathy, which results in a loss of feeling in the extremities, also is thought to involve myelin production.
Dr. Svaren added that it is possible that the current studys findings about myelin production in the peripheral nervous system could lead to greater understanding of how myelination takes place in the central nervous system (the brain and spinal cord). Myelination in the central nervous system is not well understood. Multiple sclerosis, a degenerative muscular disorder that can be fatal, results from the destruction of myelin in the central nervous system.
Information about peripheral neuropathies is available from the National Library of Medicine, at: http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000593.htm and http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000727.htm.
Information about Charcot-Marie-Tooth syndrome and multiple sclerosis is available from The National Institute of Neurological Disorders and Stroke at: http://www.ninds.nih.gov/disorders/charcot_marie_tooth/charcot_marie_tooth.htm and http://www.ninds.nih.gov/disorders/multiple_sclerosis/multiple_sclerosis.htm.
The NICHD sponsors research on development, before and after birth; maternal, child, and family health; reproductive biology and population issues; and medical rehabilitation. For more information, visit the Institutes website at http://www.nichd.nih.gov.
The National Institutes of Health (NIH) — The Nation's Medical Research Agency — includes 27 Institutes and Centers and is a component of the U.S. Department of Health and Human Services. It is the primary federal agency for conducting and supporting basic, clinical and translational medical research, and it investigates the causes, treatments, and cures for both common and rare diseases. For more information about NIH and its programs, visit www.nih.gov.

 

DESCRIZIONE

Questi farmaci possono provocare o aggravare una neuropatia periferica

TESTO ORIGINALE

Sulfamidici e Timetoprim
Martedì 12 Dicembre 2006 - Attualmente i sulfamidici sono scarsamente impiegati a causa dell’aumento delle resistenze batteriche.

Sulfametoxazolo e Trimetoprim sono impiegati in associazione per meglio sfruttare la loro attività sinergica, anche se la co-somministrazione può dar luogo a gravi effetti indesiderati.
L’associazione Sulfametoxazolo e Trimetoprim è indicata nelle riacutizzazioni della bronchite cronica ed in alcune infezioni sistemiche gravi ( febbre enterica, infezione paratifica e da Pneumocystis carinii ). E’ opportuno co-somministrare i due antibiotici con cautela in caso di insufficienza epatica e renale, in caso di alterazioni ematologiche, durante la gravidanza e l’allattamento.
La co-somministrazione è sconsigliata nei bambini al disotto dei 6 anni ed è controindicata in caso di porfiria. I sulfamidici provocano spesso eruzioni cutanee e, di rado, sindromi mucocutanee febbrili nell’anziano. L’assunzione di sulfamidici per più di 7 giorni può causare epatite tossica.
Possono insorgere reazioni ematologiche dose-dipendenti, generalmente reversibili ( neutropenia, trombocitopenia, pancitopenia ), specie negli anziani che ne assumono dosi elevate per 10 giorni.
Tra gli effetti indesiderati osservati con la co-somministrazione di si segnalano: nausea, vomito, rash cutanei, alterazioni ematologiche.
In rari casi si sono manifestati reazioni allergiche, lupus eritematoso sistemico, miocardite, malattia da siero, diarrea, stomatite, glossite, anoressia, artralgie, mialgie, danno epatico, pancreatite, colite da antibiotico, eosinofilia, tosse, difficoltà respiratorie, infiltrati polmonari, meningite asettica, cefalea, depressione, convulsioni, neuropatia periferica, atassia, tinnito,vertigini, allucinazioni, anemia megaloblastica,, alterazioni elettrolitiche, cristalluria ed alterazioni renali.

Prodotti a base di Sulfamidici + Trimetoprim: Bactrim, Chemitrim, Eusaprim.
La
Sulfadiazina è indicata nella prevenzione delle recidive di febbre reumatica.
Tale sulfamidico mostra le stesse avvertenze di impiego, controindicazioni ed effetti indesiderati della combinazione Sulfametoxazolo + Trimetoprim.

Prodotti a base di Sulfadiazina: Sulfadiazina.
Il
Trimetoprim trova indicazione nel trattamento delle infezioni delle vie urinarie e della bronchite acuta e cronica.
La terapia con Trimetoprim è da prescrivere con cautela nel caso di insufficienza renale, in gravidanza, durante l’allattamento, in caso di predisposizione al deficit di folati, nei neonati e nel caso di porfiria.
Durante un periodo prolungato di trattamento è consigliato il controllo periodico dell’emocromo.
Per somministrazioni prolungate è possibile che compaiano sintomi che devono essere immediatamente riconosciuti per poter essere trattati: febbre, faringodinia, rash cutaneo, ulcere dell’apparato boccale, porpora, ecchimosi o emorragie.
Gli effetti indesiderati più comuni sono: nausea, vomito, prurito, rash cutanei, iperkaliemia, depressione dell’ematopiesi. In rari casi sono stati segnalati eritema multiforme, necrolisi epidermica tossica, fotosensibilità, angioedema, anafilassi.
Xagena

Inizio pagina

DESCRIZIONE

CMT X -

TESTO ORIGINALE

A family with X-linked optic atrophy linked to the OPA2 locus Xp11.4-Xp11.2.

Department of Ophthalmology and Visual Sciences, John A Moran Eye Center, University of Utah Health Sciences Center, Salt Lake City, Utah.

Autosomal dominant optic atrophy (ADOA) is the most common inherited optic atrophy. Clinical features of ADOA include a slowly progressive bilateral loss of visual acuity, constriction of peripheral visual fields, central scotomas, and color vision abnormalities. Although ADOA is the most commonly inherited optic atrophy, autosomal recessive, X-linked, mitochondrial, and sporadic forms have also been reported. Four families with X-linked optic atrophy (XLOA) were previously described. One family was subsequently linked to Xp11.4-Xp11.2 (OPA2). This investigation studied one multi-generation family with an apparently X-linked form of optic atrophy and compared their clinical characteristics with those of the previously described families, and determined whether this family was linked to the same genetic locus. Fifteen individuals in a three-generation Idaho family underwent complete eye examination, color vision testing, automated perimetry, and fundus photography. Polymorphic markers were used to genotype each individual and to determine linkage. Visual acuities ranged from 20/30 to 20/100. All affected subjects had significant optic nerve pallor. Obligate female carriers were clinically unaffected. Preliminary linkage analysis (LOD score = 1.8) revealed that the disease gene localized to the OPA2 locus on Xp11.4-Xp11.2. Four forms of inherited optic neuropathy, ADOA, autosomal recessive optic atrophy (Costeff Syndrome), Leber hereditary optic neuropathy, and Charcot-Marie-Tooth disease with optic atrophy, are associated with mitochondrial dysfunction. Future identification of the XLOA gene will reveal whether this form of optic atrophy is also associated with a mitochondrial defect. Identification of the XLOA gene will advance our understanding of the inherited optic neuropathies and perhaps suggest treatments for these diseases. An improved understanding of inherited optic neuropathies may in turn advance our understanding of acquired optic nerve diseases, such as glaucoma and ischemic optic neuropathy. (c) 2006 Wiley-Liss, Inc.

Si ringrazia Filippo per la traduzione

Una famiglia con atrofia ottica X-linked correlata al locus OPA2 Xp11.4-Xp11.2

(Il locus del cromosoma indicato è il punto in cui avviene la mutazione, in questo caso il braccio corto del cromosoma X, nel punto 11.4-11.2, NdT)
L’Atrofia Ottica Autosomica Dominante (ADOA) è l’atrofica ottica ereditaria più comune. Le caratteristiche cliniche della ADOA includono una lenta ma progressiva perdità bilaterale dell’acuità visiva, costrizione dei campi visivi periferici, scotoma centrale ed anormalità nella percezione dei colori.
Sebbene l’ ADOA sia l’atrofica ottica ereditaria più comune, forme autosomiche recessive X-linked (la cui mutazione si trova sul cromosoma X, NdT), mitocondriali e sporadiche sono note in letteratura. Sono stati, ad esempio, riportati casi di quattro famiglie affette da Atrofia Ottica X-linked (XLOA). Una famiglia è stata correlata al locus Xp11.4.Xp11.2 (OPA2).
Questo studio ha preso in esame più generazioni di una famiglia con una forma di atrofia ottica apparentemente X-linked, paragonando il quadro clinico dei membri di questa famiglia con quelli precedentemente descritti in altre famiglie., nell’intento di comprendere se anche in questo caso la malattia fosse riconducibile alla stessa mutazione.
Quindici individui, appartenenti a 3 generazioni di una famiglia dell’Idaho, si sono sottoposti ad un esame oculare completo, ad un test della visione dei colori, alla perimetria automatizzata e fotografia del fondo oculare.
Markers polimorfici sono stati impiegati per genotipizzare ciascun membro e determinare delle correlazioni. L’acuità visiva all’interno della famiglia passava da 20/30 a 20/100. Tutti i soggetti affetti presentavano un significativo pallore del nervo ottico. Le donne portatrici obbligate erano clinicamente sane. Un analisi preliminare di correlazione (punteggio LOD= 1.8) ha mostrato che il gene responsabile della malattia si localizza nel locus OPA2, su Xp11.4-Xp11.2.
Quattro forme di neuropatia ottica ereditaria (l’ADOA, l’atrofica ottica autosomica recessiva o Sindrome di Costeff, la neuropatia ottica ereditaria di Leber e la sindrome di Charcot-Marie-Tooth con atrofia ottica) sono associate a disfunzioni mitocondriali.
L’identificazione futura del gene per l’XLOA rivelerà se anche questa forma di atrofia ottica è associata ad un difetto mitocondriale; inoltre, questo migliorerà la nostra comprensione delle neuropatie ottiche ereditarie e, verosimilmente, ci suggerirà un’eventuale cura per queste patologie.
D’altro canto, una migliore comprensione delle neuropatie ottiche ereditarie porterebbe ad un avanzamento della scienza nel campo delle patologie acquisite del nervo ottico, come il glaucoma e la neuropatia ottica ischemica.

Inizio pagina

Inizio pagina | News | Ultime ricerche 2007

Home Acmt-Rete C.M.T. Strumpell-LorrainMedcenterNews | ForumContatti LinksRuotHabile | Le Nostre Storie

Copyright @ 2002 by Acmt-Rete - Sito ottimizzato per Explorer 5/Netscape 6 o superiori - risoluzione video 800x600 o superiore.