Home Acmt-Rete C.M.T. Strumpell-LorrainMedcenterNews | ForumContatti LinksRuotHabile | Le Nostre Storie

 

Ti trovi in: Home > Le nostre storie > Elisa da Brescia

 

Elisa da Brescia

Scusate il disturbo…

     vorrei anch'io parlare

 un po' di me...

 

 

Sono Elisa, abito a Brescia e come voi ho la CMT.
Comincio col dire che la mia vita non è stata semplice, ma non sono qui per fare la vittima, ma solo per portare la mia testimonianza sperando possa essere utile a qualcuno.
Ho ventidue anni e ho scoperto di essere malata 5 anni fa. In realtà mi sono accorta qualche tempo prima di avere problemi (le cadute frequenti, le traumatiche e umilianti ore di educazione fisica a scuola…).
Non era semplice ammetterlo, quindi rimandai l'esposizione del problema fino a quando fu possibile. Non riuscivo a dirlo a mia madre perché il nostro rapporto non è mai stato dei migliori, la difficoltà di parlarne con mio padre era data dal suo più o meno celato senso di colpa per avermi trasmesso la malattia.
Iniziarono le visite, i deprimenti colloqui con i dottori, l'elettromiografie, la biopsia, … andavo sempre da sola. Avevo appena diciassette anni. E' abbastanza triste non avere nessuno che ti aspetta all'uscita dell'ambulatorio per chiederti com'è andata, per tirarti su, ma, un po' per il mio carattere indipendente, un po' per altri motivi… è andata così.
Uno dei motivi forse era la vergogna, vergogna di far sapere agli altri d’essere diversa, di non essere perfetta.
Passai anni d'inferno a domandarmi "Perché a me?" "Che cosa ho fatto di male per meritarmi questo?"… ma è inutile porsi queste domande, com'è inutile pensare che non valga la pena vivere una vita così. E' invece indispensabile farsi aiutare.
Devo ringraziare infinitamente Yuri, che in questi anni ha provato qualsiasi cosa per farmi stare bene. Mi è stato vicino nei momenti di depressione, ha provato ad ascoltarmi, a provocarmi per farmi reagire, ha provato veramente tutto, anche a capirmi, ma ovviamente non è riuscito a farlo fino in fondo.
Non parliamo dell'aiuto dei medici… ne ho conosciuti tanti, ma nessuno di loro è riuscito ad immaginare cosa volesse dire avere la CMT: il problema non è solo la neuropatia, non sono i crampi, la difficoltà a camminare, la debolezza, i dolori … il problema maggiore è quello psicologico, ma non ne hanno mai tenuto conto (la maggior parte di loro non conosceva la CMT nemmeno sotto l'aspetto clinico, figuriamoci se potevano capire il mio stato d'animo!)
E' stato tutto molto difficile: ero arrabbiata con le persone che mi stavano intorno perché erano perfette, inizialmente non sopportavo mio padre perché da lui arrivavano i miei problemi, odiavo le persone che cercavano di capirmi e consolarmi perché confondevo il loro affetto con la compassione. Avevo creato una barriera tra me e il resto del mondo che m’impediva di instaurare una qualsiasi Amicizia degna di portare questo nome.

 

 

Poi la svolta. Un sito internet sulla mia malattia, che non era più solo la mia!!! La consapevolezza di non essere sola, di essere capita, che bello rendersi conto che le mie sensazioni e i miei pensieri riempivano la vita di altre persone come me… e che emozione conoscerli, parlare con loro!!!
Sono cambiata… mi hanno cambiata!!!
Iniziò così un periodo splendido… il mio umore era sempre alto, il mio rapporto con gli altri in costante miglioramento, ho avuto la forza di riprendere gli studi interrotti in precedenza conseguendo risultati insperati, il lavoro mi dava soddisfazioni… questa voglia di vivere mi dava una gioia immensa, pensavo sempre meno alla mia malattia e mi sembrava di stare meglio anche fisicamente!

Ho conosciuto un ragazzo… un colpo di fulmine, mi sono innamorata. Con lui tutto era bello, mi faceva stare bene, più lo conoscevo e più mi convincevo che era la persona giusta… sembrava mi capisse, sembrava che anche lui provasse le stesse sensazioni e le stesse emozioni che provavo io.
Gli ho parlato della malattia.
Mi ha detto che non era un problema, che voleva starmi vicino, che non era importante il mio quadro clinico, a lui interessavano la mia testa e il mio cuore… questo è quello che pensava, almeno inizialmente. Quando però si è reso conto a cosa stava realmente andando incontro, ha cominciato ad avere dubbi sul nostro rapporto… dopo pochi giorni mi ha lasciata. Ha giurato che il motivo non era la CMT, ma sono convinta che nemmeno la persona più sincera di questo mondo non l’avrebbe mai ammesso.
Alla disperazione abituale si è aggiunta la disperazione per il rifiuto, il dolore per il fatto di essere respinta, non accettata per quello che sono.
Mi sono resa conto che stare con me non può essere facile, perché stare con me vuol dire stare con la CMT e accollarsi i problemi che porta… a me è capitata, e ne farei volentieri a meno… per quale motivo qualcun altro dovrebbe volerla, sceglierla?
Contemporaneamente il cancro si portò via il mio adorato nonno. Mi sono sentita mancare la terra sotto i piedi.
Di nuovo la tristezza, di nuovo tutto nero, ancora rabbia per non essere come vorrei (e come mi vorrebbero), ancora la depressione, ancora la paura del futuro.
Mi sono resa conto che i miei problemi e i miei dubbi non erano spariti… erano sempre gli stessi, ed erano ancora lì… "Cosa mi succederà?" "Quanto impiegherà questa malattia a bloccare il mio corpo?" "Ci sarà qualcuno disposto a passare la sua vita accanto a me, una disabile?" "Avrò il coraggio di avere dei figli anche con la consapevolezza di poter trasmettere loro la CMT?" "Accetterò mai questa situazione?"
Non so ancora dare risposte a queste domande, so che in qualche maniera devo andare avanti cercando di tirare fuori tutta la forza che ho dentro.

Saluto tutti con una splendida poesia scritta da un amico, spero possa darvi un po' di speranza… ciao!

 

 

 

 

"Da domani sarò triste, da domani.
Ma oggi sarò contento:
a che serve essere tristi, a che serve?
Perché dovrei lamentarmi, oggi, del domani?
Forse il domani è buono, forse il domani è luce.
Forse domani splenderà il sole.
E non ci sarà ragione di essere triste Da domani dunque sarò triste, da domani.
Ma oggi, oggi sarò contento;
e ad ogni giorno buio dirò:
da domani sarò triste.
Oggi no."

 

 

Io ho finito, penso di aver detto tutto quello che avevo da dire … grazie per avermi dedicato qualche minuto e… se volete scambiare quattro chiacchiere con me il mio numero è:

339-3277136                         

Se volete invece scrivermi cliccate sotto sul mio nome, a presto.

   ELISA

 

 

 

Inizio pagina | Le nostre storie | Elisa da Brescia

Home Acmt-Rete C.M.T. Strumpell-LorrainMedcenterNews | ForumContatti LinksRuotHabile | Le Nostre Storie

Copyright @ 2002 by Acmt-Rete - Sito ottimizzato per Explorer 5/Netscape 6 o superiori - risoluzione video 800x600 o superiore.