Protocollo riabilitativo Bozzolo

Allegati

Trattamento riabilitativo dopo intervento di chirurgia funzionale ortopedica al piede nei soggetti con malattia di Charcot-Marie-Tooth

Presso La Struttura Complessa di Riabilitazione Neuromotoria del Presidio di Bozzolo, dell’Azienda Carlo Poma di Mantova, è in essere il protocollo di trattamento riabilitativo dopo intervento di chirurgia funzionale ortopedica al piede nei soggetti con malattia di Charcot-Marie-Tooth.

Il protocollo nasce dalla collaborazione tra l’ACMT-Rete, il Dr. Francesco Ferraro – direttore della struttura complessa di riabilitazione neuromotoria del presidio ospedaliero Carlo Poma di Bozzolo (MN) – e i chirurghi ortopedici che collaborano con la nostra Associazione.

Il Protocollo prevede, presso il centro di Bozzolo:

  1. Visita fisiatrica;
  2. Valutazione funzionale con i seguenti test:
    • Valutazione muscolare secondo Kendall AAII;
    • Valutazione muscolare secondo Kendall Scala di Berg;
    • Walking Handicap Scale;
    • Oxford Handicap Scale;
    • Manual Ability Measure;
    • Walk-12;
    • 10 m WT;
    • VAS dolore-fatica-crampi;
    • SF 36;
    • Charcot-Marie-Tooth neurological scale.
  3. Analisi strumentale del cammino mediante Gait Analysis;
  4. A seguire, intervento chirurgico nei tempi e luoghi previsti.

Dopo l’intervento chirurgico:

  • Immobilizzazione in tutore o gesso, a domicilio, per tempi da definirsi a seconda dell’intervento;
  • Rimozione dell’immobilizzazione e visita di controllo;
  • Ricovero del paziente presso il centro di riabilitazione C. Poma di Bozzolo (Mantova);
  • Riabilitazione post-chirurgica, presso il centro ospedaliero di Bozzolo. Il trattamento riabilitativo intensivo prevede due sedute giornaliere di trattamento, calibrate sulle necessità del paziente per un periodo medio di tre settimane.

Ricoveri per riabilitazione periodica dei pazienti con CMT.

I pazienti affetti da CMT che necessitano di riabilitazione neuro motoria possono richiedere, tramite la propria ASL e dopo accordi intercorsi con il personale preposto presso il centro di Bozzolo, un periodo di ricovero per la riabilitazione mirata. In generale, il percorso di riabilitazione è strutturato secondo lo schema seguente, ma ogni paziente affronterà un percorso personalizzato sulla base delle proprie necessità nei modi e nei tempi di durata.

  • Mobilizzazione dell’articolazione tibio-tarsica e delle articolazioni degli arti inferiori;
  • Esercizi di rinforzo muscolare per i mm. grande e medio gluteo, quadricipite femorale muscolatura addominale, peronei, tibiale anteriore e gastrocnemi;
  • Esercizi propriocettivi su tavole a diversi gradi di libertà;
  • Esercizi per l’equilibrio e la coordinazione;
  • Training aerobico alla bike e al treadmill;
  • Stretching globale;
  • Linfodrenaggio arti inferiori;
  • Elettrostimolazione dei muscoli tibiale anteriore e peronei.

Sostieni ACMT-RETE

In questa pagina vi indichiamo diversi modi per “Aiutarci a stare in piedi”!
Per finanziare la ricerca per trovare una cura, per far conoscere questa malattia rara,
per una vita migliore con la CMT.

5 X 1000 DONAZIONI